linguaggi processi prodotti teatrali lunedì, 10 Dicembre 2018
eventi e manifestazioni
» RE.TE
» Centro Permanente di Cultura dei Valori Civili
   
corsi e laboratori
» Paradiso Terrestre
   
spettacoli
» Incidenti di percorso
» Menes ragazzo egiziano
» L'Inferno di Dante
» Vecchi Vagoni
» Compito in classe
» L'albero incantato
   
visite guidate teatrali
» musei, mostre, percorsi e luoghi
   
L'altra Scuola
» L'Altra scuola
   
CORSI E LABORATORI
 
Paradiso Terrestre
Laboratorio presso la Casa Circondariale "Lorusso e Cutugno



Laboratorio permanente
Casa Circondariale "Lorusso e Cutugno"

Elenco spettacoli

L'assessorato alla cultura della Città di Torino e la direzione della Casa Circondariale “Lo Russo e Cutugno” (ex “Le Vallette”) collaborano dal 1993 a un progetto permanente di laboratorio teatrale, condotto con i detenuti della Sezione “Prometeo”. Il gruppo comprende detenuti sieropositivi e malati di AIDS, insieme ad altri detenuti sani che scelgono volontariamente di assisterli e prendere parte ai progetti trattamentali della Sezione.

Il laboratorio teatrale, diretto da Claudio Montagna e condotto da lui e dai collaboratori di C.A.S.T., si svolge di solito una volta alla settimana, e con un ritmo più intenso in prossimità degli spettacoli.

Vi partecipano dai 15 ai 25 detenuti, a seconda dei periodi.

Ogni anno il laboratorio allestisce uno spettacolo “principale”, oltre eventualmente a uno o più momenti spettacolari più piccoli, per un pubblico meno numeroso e finalizzati all'incontro tra detenuti e società civile.

Il laboratorio non ha mai messo in scena testi d'autore: gli spettacoli nascono dai temi proposti dai detenuti e dall'equipe trattamentale interna, e si sviluppano nel corso dell'anno, nel corso di lunghe sedute di dialogo e di confronto all'interno della Sezione. La maggior parte dello spettacolo è recitata “a soggetto” dagli attori sulla scena; nei casi in cui c'è bisogno di un copione più preciso, il testo viene scritto dai conduttori del laboratorio che trascrivono le improvvisazioni dei detenuti, oppure dai detenuti stessi.

Gli spettacoli sono rappresentati una o più volte all'interno del carcere, per gli altri detenuti, oppure per il pubblico dei parenti. Tuttavia, fin dal primo anno di attività, gli spettacoli sono sempre stati rivolti in primo luogo al pubblico esterno dei cittadini torinesi. Nei primi anni del progetto, erano i detenuti a uscire dal carcere per rappresentare lo spettacolo nei teatri della città; in questi ultimi anni, abbiamo adottato la soluzione inversa, invitando il pubblico torinese ad assistere allo spettacolo realizzato all'interno del carcere.

 
  ... la Poesia è un modo per cercare di riconoscere, riconquistare e manifestare il mistero dell'esistenza.