linguaggi processi prodotti teatrali lunedì, 10 Dicembre 2018
aprile 11
» UNA STORIA IN SCENA
   
maggio 11
» UNA STORIA IN SCENA
   
giugno 11
» UNA STORIA IN SCENA
» PARTIR BISOGNA
   
luglio 11
» UNA STORIA IN SCENA
» PARTIR BISOGNA
» VIVA L'ITALIA
   
agosto 11
» UNA STORIA IN SCENA
» PARTIR BISOGNA
» VIVA L'ITALIA
   
settembre 11
» UNA STORIA IN SCENA
   
ottobre 11
» UNA STORIA IN SCENA
» Casa Circondariale "Lorusso e Cutugno"
   
novembre 11
» SENATORI PER UN GIORNO
» P'Assaggi in Auto
   
dicembre 11
» SENATORI PER UN GIORNO
» P'Assaggi in Auto
   
luglio 12
» PROVINCIA INCANTATA
» QUANTO COSTA LA FELICITA'
   
agosto 12
» PROVINCIA INCANTATA
» QUANTO COSTA LA FELICITA'
» Soltanto un bacio ti potrà  svegliare
   
settembre 12
» PROVINCIA INCANTATA
   
ottobre 12
» Spettacoli Teatrali
» PROVINCIA INCANTATA
   
novembre 12
» Visita Guidata Teatrale
» PROVINCIA INCANTATA
   
dicembre 12
» A Viù c'è Babbo Natale
   
gennaio 13
» Emigr.Azione
   
febbraio 13
» Emigr.Azione
   
AGENDA
 
Casa Circondariale "Lorusso e Cutugno"
Questionario



2012
In collaborazione con la Città di Torino

Lettera e questionario

Nel corso delle repliche dell'ultimo spettacolo in carcere “Lo scimmione e la tartaruga”, abbiamo chiesto la collaborazione del pubblico per attuare il progetto sui temi dell'incontro tra autori e vittime di reato. Presentiamo qui una serie di domande, Vi saremo grati se vorrete rispondere, anche solo in parte, entro il 4 novembre p.v.

Dall'analisi delle risposte ricaveremo le idee utili a costruire il percorso che vedrà a confronto i due ambiti di protagonisti del dramma del reato. Sarà un confronto che speriamo utile e costruttivo, sia per i diretti interessati e per il pubblico, sia per il tentativo di offrire alla società un esempio e un esperimento di incontro tra tante e differenti solitudini.

Vi terremo informati sugli sviluppi di questa nuova progettualità e sulle rappresentazioni che verranno aperte al pubblico in merito all'argomento.

Scarica a lato il questionario e la lettera di presentazione

 
  ... per alcuni, paradossalmente, il carcere diventa "casa": un luogo di accoglienza in grado di rimarginare e rieducare, dotato persino di un insospettato tepore famigliare.